Cosa portare in bungalow

0

Il termine bungalow è un termine indiano, utilizzato per indicare piccole soluzioni abitative unifamiliari ad un piano, tipiche della città di Bengasi. In Italia con questo termine si tende a indicare piccoli alloggi di un piano situati all’interno di campeggi, residence e villaggi vacanza, che vengono affittati ai turisti e ai vacanzieri.

Rappresentano l’alternativa migliore al campeggio in tenda perché sono strutturati come piccole abitazioni, solitamente in legno, dotate di angolo cottura, letto e servizi igienici e offrono la possibilità di godere di una vacanza all’aria aperta senza i disagi del campeggio vero e proprio. I bungalow sono di varie dimensioni e possono ospitare da un minimo di due a un massimo di 6-8 persone.

Cosa portare in bungalow

bungalowLe dotazioni a disposizione dei bungalow variano in base al tipo di struttura scelta e al numero di stelle possedute. In generale, comunque, la dotazione standard di un bungalow qualunque sia il campeggi scelto prevede l’arredamento completo della cucina, della stanza da letto e del bagno. Non tutte le strutture forniscono pentolame e posate, biancheria da letto e da bagno, televisore, cassaforte e aria condizionata. In alcuni campeggi bisogna pagare a parte se si desidera il servizio di cambio biancheria.

I mobili e le dotazioni presenti nel bungalow sono sotto la responsabilità dell’ospite che dovrà pagare di tasca propria eventuali danni. E’ prassi da parte della struttura richiedere per questo un deposito cauzionale che poi sarà restituito alla fine della vacanza se non ci sono stati danni alla struttura. Nei villaggi turistici più esclusivi i bungalow sono delle vere e proprie villette con tanto di servizio in camera, vasca idromassaggio, lenzuola di seta e accesso diretto alla spiaggia. La maggior parte dei bungalow, però, sono molto più spartani ed essenziali.

Per chi è consigliata una vacanza in bungalow

La vacanza in un bungalow è consigliata per tutti coloro che vogliono vivere l’esperienza di una vacanza a contatto con la natura, a breve distanza dal mare, senza, però, rinunciare al comfort di un letto comodo, di una cucina attrezzata per quanto spartana e di un bagno privato. E’ adatto anche per chi non possiede una tenda ed è alla sua prima vacanza in campeggio, poiché, consente di avvicinarsi in maniera soft a questo genere di esperienza che a primo impatto potrebbe rivelarsi molto dura.

Nella maggior parte dei casi queste strutture sono costruite direttamente sulla spiaggia e quindi sono ideali per chi vuole fare una vacanza al mare. Dal punto di vista economico costano sicuramente di più dell’affitto di una piazzola per la tenda, ma, sempre meno di un albergo o di una casa vacanze.

Share.